logo
search
IT

17.04.2020

COVID-19 Tracking: Italiani ancora preoccupati, ma iniziano a pensare alla Fase 2

Milano, 17 aprile 2020 – Il monitoraggio settimanale GfK sugli effetti di COVID-19 riflette il nuovo assetto degli italiani, che si stanno lentamente adattando alla “nuova” normalità. Crescono le preoccupazioni economiche e si rimandano ancora gli acquisti non essenziali. I primi desideri per il dopo crisi: riabbracciare i propri cari, viaggiare, andare al ristorante e fare shopping.

A febbraio GfK ha attivato un tracking settimanale per misurare gli effetti del Coronavirus sugli stili di vita, le abitudini e le strategie di consumo degli italiani. I risultati delle ultime due settimane* mettono in luce alcune novità che riflettono l’evoluzione del sentiment degli italiani:

  • Si stabilizzano le preoccupazioni per l’emergenza sanitaria legata al Coronavirus, in parallelo al rallentamento del numero dei contagi registrati nelle ultime settimane in Italia. Allo stesso tempo, con il prolungamento del lockdown crescono le preoccupazioni legate all’economia, sia per quanto riguarda il futuro del Paese ma soprattutto riferite al momento presente. Complessivamente, il giudizio sul sistema Paese rimane ancora positivo, ma crescono le attese degli italiani nei confronti del mondo Politico.
  • Ancora sospesi gli acquisti non essenziali. Nelle ultime settimane è leggermente diminuita la corsa all’accaparramento e alla scorta di prodotti ed emergono alcuni deboli segnali che raccontano della voglia degli italiani di riconquistare progressivamente pezzi della propria vita, alla ricerca di una “nuova” normalità. Nonostante questo, i consumatori sono ancora cauti nelle proprie strategie di spesa e preferiscono rimandare a un secondo momento gli acquisti di beni non essenziali. Inoltre, il 25% degli intervistati non ha ancora deciso se farà o meno le vacanze estive, mentre il 16% sta valutando addirittura di rinunciare.
  • Per il dopo crisi c’è voglia di ritorno alla normalità. Il lockdown sta limitando da tantissimi punti di vista la vita degli italiani e con il passare delle settimane siamo sempre più ansiosi di tornare alla vita di tutti i giorni. Pensando ai primi luoghi dove vorrebbero andare una volta finita la crisi, gli italiani mettono al primo posto gli affetti: il 27% dichiara che per prima cosa andrà a casa di amici e parenti. Molta alta la percentuale di chi desidera prima di tutto tornare a viaggiare (23%) ma anche di chi sogna di uscire al ristorante, al pub o in discoteca (17%). Nell’ultima settimana sale anche la percentuale di chi mette al primo posto l’andare a fare shopping (+5%). Seguono nella classifica delle attività più desiderate la possibilità di andare in palestra o fare sport all’aria aperta e quella di andare al cinema o partecipare ad eventi pubblici (concerti, teatro, festival ecc).                                           

Scopri di più sul monitoraggio settimanale GfK COVID-19 Tracking

Nota metodologica:

*Indagine GfK, interviste CAWI su campione rappresentativo di italiani 16-65 anni. Periodo di rilevazione: 30 marzo – 12 aprile 2020.

A proposito di GfK

In un mondo sovraccarico di informazioni, dove spesso i dati sono poco chiari o manipolati, è sempre più importante cogliere i giusti segnali nel rumore di fondo. Da oltre 85 anni, GfK integra scienza e conoscenza per fornire riposte alle domande di business dei propri clienti su consumatori, mercati, brand e media. Combinando la nostra esperienza nell’analisi dei dati e l’utilizzo dell’AI, offriamo insight e raccomandazioni che consentono di prendere decisioni strategiche per ottimizzare il marketing, le vendite e l'organizzazione aziendale. GfK supporta le aziende di tutto il mondo nella crescita basata sulla conoscenza, per questo il nostro motto è “Growth from Knowledge”.

Per maggiori informazioni visitate il sito www.gfk.com/it o seguite il profilo Twitter @GfK_Italia   



Latest Press Releases

Vedi tutti i comunicati stampa