Möchten Sie zur deutschen Seite wechseln?JaNeina
Close
Comunicati Stampa
Travel and Hospitality|Italy|Italian

Turismo in Italia

23.07.2015

Estate 2015: dati positivi sul mercato delle vacanze nel nostro Paese

All’interno di un quadro che ci è costantemente descritto in termini negativi e alquanto allarmanti - Grexit, Mediterraneo ferito, emergenza profughi, confini turco-siriani in fiamme, crisi economica in costante sottofondo e situazione politica europea in cerca di nuovo equilibrio - possiamo comunicare qualche buona notizia che riguarda il mercato delle vacanze in Italia.

Italia vista come destinazione turistica attraente e come meta fra le preferite dai viaggiatori Italiani ed Europei.

Se, infatti, è vero che a maggio 2015 nelle agenzie di viaggio italiane le vendite di pacchetti turistici sono diminuite quasi del 15% (confronto con maggio 2014), è anche vero che i Clienti che hanno scelto di prenotare una vacanza nel Bel Paese sono quasi il 18% in più rispetto allo stesso periodo del 2014.

Le vacanze si sono mediamente accorciate in termini di durata - nel maggio 2014 il 22% dei Clienti prenotava una vacanza breve (meno di una settimana); a maggio di quest’anno lo short break è stato scelto dal 26% dei Clienti - ma non per chi resta in Italia: le vacanze più lunghe (oltre una settimana) passano dal 21% al 23%. Questo ultimo dato incide sul maggiore investimento che i Clienti hanno fatto per restare in Italia, pagando me-diamente € 720 contro i € 680 dell’anno scorso.

Buone notizie anche per gli arrivi dai Paesi Europei: in UK, dove i turisti quest’anno investono mediamente il 3% in più dello scorso anno per una vacanza, per venire in Italia spendono il 4% in più (e non è il prezzo che aumenta, ma il totale della spesa che è maggiore); in Germania dove sappiamo dalle agenzie di viaggio tedesche che gli arrivi in Italia saranno il 7% in più dell’anno scorso.

Download (PDF)

Daniela Mastropasqua
General