Möchten Sie zur deutschen Seite wechseln?JaNeina
Close
Comunicati Stampa
Consumer Health|Consumer Goods|Italy|Italian

Benessere: cosa fanno gli italiani per mantenersi in forma

18.10.2017

Da cosa dipende il benessere delle persone e cosa fanno gli italiani per rimanere in forma? Innanzi tutto, cercano di mangiare meglio e di dormire a sufficienza, ma anche di passare più tempo con famiglia e amici. Rispetto al passato, cresce il ricorso a diete e rimedi alternativi. Inoltre, si sente sempre di più l’esigenza di staccarsi dalla tecnologia per godersi davvero la vita.

GfK ha realizzato un’indagine online in 17 paesi, chiedendo a oltre 23.000 persone cosa facciano per mantenersi in forma. Tra le attività più citate a livello internazionale, ci sono dormire a sufficienza, mangiare in maniera sana e fare esercizio. Ma ci sono anche risposte meno scontate, come ad esempio passare del tempo di qualità con la propria famiglia, gli amici o i propri animali domestici.

Il concetto di benessere sta evolvendo e anche dalle risposte degli italiani affiorano elementi interessanti, come emerge dalla tabella sottostante:

 

2017

% variazione 2017 vs 2014

Mangiare alimenti sani e nutrienti

66%

+7%

Passare del tempo con famiglia, amici o animali domestici

62%

+5%

Dormire a sufficienza

62%

+8%

Tenersi in esercizio

59%

+6%

Usare prodotti per la cura personale o la bellezza 

44%

+3%

Fare una pausa dalla tecnologia

30%

+8%

Seguire una dieta specifica

25%

+9%

Meditate o usate altre tecniche di rilassamento

16%

+3%

Utilizzate rimedi alternativi (naturali, olistici ecc.)

16%

+7%

Ricorrere alla chirurgia estetica (comprese gli interventi ai denti)

5%

+2%

Nessuna di queste

2%

-1%

 Per gli italiani il benessere passa innanzi tutto per la tavola: ben il 66% degli intervistati è convinto che “mangiare alimenti sani e nutrienti” sia fondamentale per rimanere in forma. Uno su quattro ammette di seguire una dieta specifica per stare meglio e il 59% svolge un’attività fisica di qualche tipo per rimanere in esercizio.

Dalle risposte degli italiani emerge anche qualche sorpresa: al secondo posto in classifica troviamo infatti “Passare del tempo con famiglia, amici o animali domestici”, citata dal 62% degli italiani. Per stare meglio, insomma, non basta curare il proprio fisico ma è importante vivere momenti appaganti con le persone a cui vogliamo bene. Magari spegnendo il cellulare, come sembra consigliare il 30% degli italiani secondo il quale per stare meglio è necessario prendersi una pausa dalla tecnologia.

Confrontato le risposte di quest’anno con quelle rilevate nel 2014 sempre da GfK, si nota come alcuni fenomeni siano in forte crescita. Il tema del cibo come ingrediente del benessere diventa sempre più centrale: rispetto al 2014, infatti, “seguire una dieta specifica” cresce del 9% e “mangiare alimenti sani e nutrienti” del 7%. Per stare meglio, si ricorre sempre più spesso a soluzioni “non convenzionali”, come dimostra il numero crescente di persone che dichiara di utilizzare rimendi alternativi, naturali o olistici (+7%).

Infine, risultano in forte crescita anche l’esigenza di dormire un numero sufficiente di ore (+8%) e di fare un po’ di digital detox, prendendosi una pagina dalla tecnologia (+8%).

Per stare meglio, le donne mangiano sano, gli uomini cercando di dormire di più

Italiani e italiane hanno strategie diverse per rimanere in forma: le donne, infatti, danno maggiore importanza ad attività quali mangiare in maniera sana (68% contro il 64% degli uomini), passare del tempo con amici e parenti (63% contro il 60%) e usare prodotti per la cura del corpo e la bellezza (52% contro il 37%). Al contrario, gli uomini per stare meglio considerano più importante dormire abbastanza (64% contro il 61% delle donne) e ricorrere alla meditazione o altre tecniche di rilassamento (18% contro il 15%).

Guardando invece ai risultati per fasce d’età, emergono alcune tendenze specifiche. I ventenni sono più propensi a mantenersi in forma attraverso l’esercizio fisico (64%), il ricorso alla meditazione (20%) e ai rimendi alternativi (20%). Nella fascia 30-39 anni gli italiani danno maggiore importanza a mangiare in maniera salutare (70%), dormire abbastanza (67%) e passare del tempo con la famiglia. Per i quarantenni, il benessere passa maggiormente attraverso l’utilizzo di prodotti per la cura del corpo (50%) e il digital detox (35%).

I risultati dello studio a livello internazionale

A livello internazionale, tra le attività per rimanere in forma risultano prime a pari merito (con il 65%) dormire a sufficienza e mangiare alimenti sani e nutrienti. La prima rimane stabile rispetto al 2014, mentre l’attenzione a un’alimentazione sana guadagna 7 punti percentuali rispetto all’ultima edizione della ricerca. L’esercizio fisico è maggiormente considerato rispetto all’Italia, e si posizione al secondo posto in classifica con il 64% delle preferenze.

Rispetto al 2014, risulta in crescita del 6% anche la voglia di passare del tempo con la famiglia e gli amici (a due e quattro zampe). Ma le variazioni più significative riguardano la possibilità di prendersi una pausa dalla tecnologia - che passa dal 24% del 2014 al 34% del 2017 – e la decisione di seguire una dieta specifica per stare meglio, che guadagna ben 12 punti percentuali e ora viene citata da quasi un intervistato su tre.

L’indagine GfK ha evidenziato alcune differenze interessanti su cosa fanno le persone per mantenersi in forma nei vari Paesi. In Messico, quasi tre quarti degli intervistati (73%) ha messo al primo posto “passare del tempo con famiglia, amici o animali domestici” tra le attività che contribuiscono al proprio benessere, la percentuale più alta in assoluto.

Il Messico si registra anche la percentuale più alta di persone che indica “fare una pausa dalla tecnologia” tra le attività più importanti per rimanere in forma. I Paesi Bassi danno più importanza di tutti all’esercizio fisico, mentre in Russia il ricorso a prodotti per la cura personale e la bellezza risulta particolarmente elevato.

La Cina risulta al primo posto tra i Paesi che citano come ingredienti del benessere: seguire una dieta specifica, ricorrere a rimedi alternativi e a tecniche di meditazione e rilassamento. Infine, l’Argentina è invece il Paese dove le persone danno più importanza a “dormire a sufficienza”.

Combinando gli insight provenienti da questo studio con i dati ricavati da altre ricerche continuative - tracking dei punti vendita (POS), Panel Consumatori e GeoMarketing - GfK è in grado di supportare i propri clienti nella definizione delle proprie strategie e nel raggiungimento degli obiettivi, sia a livello globale che all'interno di Paesi specifici.

Per conoscere i risultati dello studio per tutti i 17 paesi visitare il sito: www.gfk.com/global-studies/global-study-overview/

Cliccare sul link qui sotto per scaricare il comunicato stampa:

Download (PDF)

A proposito dell’indagine

GfK ha condotto un’indagine online in 17 Paesi, coinvolgendo oltre 23.000 consumatori dai 15 anni in su. Gli intervistati dovevano indicare cosa fanno abitualmente per stare bene, scegliendo tra un elenco di attività.

La rilevazione è stata effettuata nell’estate 2017. I dati sono stati ponderati in modo da riflettere la composizione demografica della popolazione di età superiore a 15 anni presente in ciascun mercato. La media internazionale presentata nel comunicato è stata ponderata sulla base della popolazione di ciascuno stato. I paesi coinvolti nella ricerca sono: Argentina, Australia, Belgio, Brasile, Canada, Cina, Francia, Germania, Italia, Giappone, Messico, Paesi Bassi, Russia, Corea del Sud, Spagna, Regno Unito e Stati Uniti.

La stessa ricerca era stata realizzata nel 2014, intervistando un campione di oltre 21.000 consumatori in 16 paesi (esclusi i Paesi Bassi).

Cliccare sul link qui sotto per scaricare il comunicato stampa:

Download (PDF)

Contatto
Contatti stampa GfK in Italia
Italy
General